Millennials / La nuova scena della grafica italiana - TLS Agency
TLS è un'agenzia di comunicazione situata alle porte di Milano. Nasce nel 2005 dall'idea dei due soci di creare una piccola bottega creativa fatta di persone, non di numeri. E queste persone vengono valorizzate ogni giorno, perchè solo una persona motivata può essere davvero creativa.
agenzia, milano, pubblicità, comunicazione, communication, advertising, web design, sito, site, corporate, identity, video, social network, milan, graphic design, packaging, photography, creativity, creatività
16765
post-template-default,single,single-post,postid-16765,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_bottom_fixed,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Millennials / La nuova scena della grafica italiana

Millennials / La nuova scena della grafica italiana

Domenica mattina, sveglia di buon’ora e via a vedere la mostra MILLENNIALS, promossa da AIAP, presso la Fabbrica del Vapore di Milano.

Intento nobilissimo e molto accattivante: selezionare alcuni progettisti appartenenti a tutti i campi di applicazione della comunicazione visiva (identità visiva, manifesti, editoria, packaging, etc), rigorosamente nati dopo il 1980, che abbiano saputo far emergere dai loro lavori originalità, ricerca e sperimentazione.

La mostra si è articolata sull’intero piano superiore dell’edificio e, per quanto abbia presentato diversi lavori graficamente interessanti, ci ha lasciati al contempo perplessi per alcuni aspetti.
Ciò che più ci è dispiaciuto è non aver avuto modo di leggere delle spiegazioni riguardo i singoli lavori. Molti di essi erano concettuali e astratti, di difficile comprensione se visti senza alcun “aiutino”. Trattandosi, poi, di progetti realizzati per diversi scopi e committenti, sarebbe stato indispensabile fornire al visitatore una breve introduzione ad ogni prodotto, per meglio interpretare e apprezzare quanto visto. Gli unici testi presenti, riportavano la biografia degli autori: interessante? Forse non sempre.

L’unico aspetto che abbiamo potuto apprezzare è stato l’impatto visivo suscitato nell’insieme. Alcuni lavori meritavano uno spazio all’interno della mostra, altri li definiremmo semplicemente “carini”, altri ancora… sinceramente non li abbiamo capiti così estrapolati dal contesto a cui erano destinati. Peccato.

Le foto di tutto ciò che ha rapito la nostra attenzione, nel corso della nostra gita domenicale.

Ila e Cla